ALFA ROMEO IN MINIATURA E NON
printprintFacebook
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

CREAZIONE E INCOLLAGGIO VETRI IN ACETATO

Last Update: 6/12/2013 12:39 AM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 1,939
Registered in: 8/28/2009
Location: MILANO
Age: 42
Gender: Male
2/28/2010 8:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Metto anche incollaggio perché è una delle mie maggiori difficoltà: sulle fotoinisioni non mi tiene neppure il cianoacrilato (ATTAK per intenderci!)
AUSTRALIAN OPEN 2020TUTTO TENNIS FORUM20 pt.1/27/2020 10:54 AM by Garba90
Francesca FialdiniTELEGIORNALISTE FANS FORU...19 pt.1/27/2020 10:37 AM by D.Raimondi
Roma - LazioSenza Padroni Quindi Roma...19 pt.1/27/2020 11:20 AM by giove(R)
OFFLINE
Post: 1,758
Registered in: 8/30/2009
Location: BERGAMO
Age: 43
Gender: Male
3/7/2010 2:39 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Allora, per iniziare premetto che quanto scriverò non è da intendersi una guida vera e propria ma solo il resoconto di una prova che ho voluto fare per tentare di creare dei vetri con l'acetato.
Il problema è sorto tempo fa, quando ho cominciato a pensare di clonare con la resina qualche mio lavoro di elaborazione.
Il problema principale che mi ha fatto aspettare fino ad oggi è la realizzazione dei vetri.
Dopo diverse prove, ho ottenuto un risultato che direi accettabile; certo non è paragonabile ad un vetro stampato, però si avvicina a quanto presente nei kit di montaggio, e credo che il procedimento sia simile.
Ho creato con del polistirolo (il comune plasticard) la forma del vetro che volevo riprodurre

Attenzione che dovrebbe essere leggermente più piccolo della montatura, altrimenti poi quanto ottenuto non ci entrerà!
Ho poi posizionato sopra il pezzettino di acetato

e con l'aiuto di un comune phon, l'ho riscaldato, andato a premerci sopra la forma del finestrino ottenuta piegando un tondino di metallo


A questo punto basta lasciar raffreddare qualche secondo...

...ed ecco creati i vetri.

Il montaggio, poi, se sono state rispettate le dimensioni, dovrebbe essere piuttosto semplice.

Per l'incollaggio, consiglio il cristal clear, che offre una trasparenza superiore al vinavil e non rovina il vetro come il cianoacrilato.
Questo procedimento mi ha permesso di ottenere il miglior risultato fino ad ora.
Se qualcuno conoscesse un metodo migliore oppure volesse migliorare quanto ho fatto, scriva pure, i consigli sono sempre bene accetti! E anche eventuali critiche!
[Edited by cg_76 3/7/2010 2:40 PM]
OFFLINE
Post: 1,939
Registered in: 8/28/2009
Location: MILANO
Age: 42
Gender: Male
3/11/2010 6:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Beh direi che hai fatto un bel lavoro e che è un buon sistema!

Io col modello che sto facendo ho scelto un sistema completamente diverso.

Non sono ancora arrivato alla parte riguardante la vetratura e non so se alla fine verrà bene o no.

Posterò i risultati a modello finito, se poi il risultato non è buono magari rifaccio col tuo metodo!! [SM=g28002] [SM=g28002] [SM=g28002]
OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
3/21/2010 3:54 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Christian, mi sembrava di aver già commentato e ringraziato per l'esposto su quella tecnica, molto interessante.

In rapporto anche con una discussione sul forum olandese del nostro buon Dinky Boy, torno sull'argomento dell'incollaggio dei vetri.

Io non avevo mai tentato di termoformare i vetri, rimanendo quindi limitato alla fabbricazione in proprio di vetri messi in forma in due dimensioni, cioé con curvatura su un solo asse, a freddo, con pazienza per non injcrinare il foglio. Per avere curvature tridimensionali, ci vuole il caldo e, per forza, uno "stampo" come hai fatto tu.

Comunque, in qualche caso [SM=g27995] mi è venuta bene la cosa, investendo parecchie ore per l'aggiustaggio di foglio d'acetato fino a fare combaciare il pezzo con la carrozzeria del modello.

Per l'incollaggio ho quasi sempre usato l'attak perché con la mia tecnica, è solo lo spessore dell'acetato a ricevere la colla, e la presa immediata è necessaria per "forzare" il vetro in posizione.

Ho sempre cominciato l'incollaggio su un lato, dopo ovviamente avere aggiustato lungamente a secco, con la necessità di incollare subito nell'esatta posizione che poi consente all'altra estremità di arrivare dove i vuole. E' solo per cupolini di fari che ho evitato i rischi legati all'attak, col vinavil, quando si tratta di un pezzo piccolo, senza sforzo, e con l'interno chiuso che non consente di pulire un pur minimo alone bianco come fa l'attak.

Ecco quindi sulla Giulietta SS illustrata a pagina 11 della mia collezione il dettaglio ingrandito al massimo del parabrezza montato in quella maniera.

Questo è il lato sinistro, da dove ho cominciato l'incollaggio, che è venuto perfettamente. In questo caso posso dire tranquillamente che questo è il risultato ricercato [SM=g27989]

OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
3/21/2010 3:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

L'altro lato, quello dove "arriva" il parabrezza alla fine dell'incollaggio, in questo caso è arrivato corto di uno o due decimi di mm. Non me la sono sentita di ricominciare tutto a quel punto, quindi ho "riempito" il vuoto col vinavil.

Va detto che l'aggiustaggio, con quella tecnica, deve essere lentissimo e prudentissimo perché appunto, se ad un certo punto tagli troppo, il pezzo è corto ed è da buttare. Da qui buona parte delle ore spese sui modelli come avevo raccontato.

OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
3/21/2010 4:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Su quella Provence, una volta tanto, il lunotto non era troppo piccolo. Quindi in questo caso ho potuto risolvere senza la tecnica a caldo di Christian, "semplicemente" tagliando il lunotto fornito nel kit all'esatta dimensione della carrozzeria, sempre incollandolo con attak esclusivamente sul bordo.

Si noti come necessiterebbe di ritocchi sul cromato, perché il solo fatto di prendere il modello in mano ogni tanto, in 20 anni, ha "logorato" la vernice silver e fatto rivenire a galla il rosso. Si tratta di punti d'ago dell'ordine del decimo, qui ingranditi parecchio.

L'altra osservazione, che mi farebbe comunque prferire la messa in forma a freddo, è che notiamo qui quanto sia meno cristallino l'acetato termoformato rispetto al foglio d'origine. Non so se hai lo stesso risultato con quelli che hai fatto tu, ma credo sia un effetto collaterale inevitabile della termoformazione (? cosi' si dice?)
OFFLINE
Post: 1,758
Registered in: 8/30/2009
Location: BERGAMO
Age: 43
Gender: Male
3/23/2010 12:03 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Come sempre, dei lavori davvero di precisione, Patrick.
Certo il risultato sui vetri piatti è migliore, non avendo i bordi piegati, ma che lavoro!
Devo invece dire che aver termoformato i vetri non ne ha pregiudicato assolutamente la trasparenza; non so se sia per il tipo di acetato (acquistato in cartoleria) o perchè ho utilizzato il phon.
Ho fatto comunque molte prove con diverse plastiche, ma sempre derivanti da scatole tipo camicie e roba simile, ed ho notato che utilizzando l'acqua calda su alcuni l'opacizzazione era presente.
Non so dirti però questo acetato come si comporti con l'acqua.
OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
4/17/2010 10:54 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Forse conveniva postare direttamente qui l'esempio della Stradale Tenariv dove aggiunsi un cornice con del filo per chiudere il gap tra vetro, troppo piccolo, e apertura.





Qui invece si tratta di aggiustaggio dei cupolini dei fari, e di rifinire col nero che, raffigurando la guarnizione contribuisce anche alla pulizia del risultato.

OFFLINE
Post: 1,939
Registered in: 8/28/2009
Location: MILANO
Age: 42
Gender: Male
4/18/2010 10:43 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Complimenti per la mano, non son mai riuscito a evitare totalmente le sbavature facendo i bordi neri...
OFFLINE
Post: 223
Registered in: 7/30/2010
Location: ROMA
Age: 26
Gender: Male
6/10/2013 1:28 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

non ho aperto una nuova discussione perché quella che sto per chiedervi è una cosa molto banale.
la mia domanda è la seguente: come si fa a rimediare all'ingiallimento dei vetri?


Uploaded with ImageShack.us

grazie in anticipo [SM=g27987]
OFFLINE
Post: 1,939
Registered in: 8/28/2009
Location: MILANO
Age: 42
Gender: Male
6/10/2013 5:21 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Non ci posso mettere la mano sul fuoco, ma non credo che ci sia un rimedio.

Quando la plastica ha perso trasparenza e si è deteriorata, non credo sia possibile riportarla allo stato originale.
OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
6/10/2013 6:21 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Purtroppo non conosco nessuna soluzione oltre alla sostituzione dell'acetato.
OFFLINE
Post: 1,730
Registered in: 8/31/2009
Location: MILANO
Age: 48
Gender: Male
6/10/2013 11:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vedo che è abbastanza scuro [SM=g27991] ,neanche io posso consigliarti,ed sinceramente non credo ci siano rimedi.. [SM=g27988]
Puoi solo provare a pulirlo con un detersivo è vedere se migliora,anche lasciandolo a mollo per un pò.
OFFLINE
Post: 223
Registered in: 7/30/2010
Location: ROMA
Age: 26
Gender: Male
6/11/2013 2:41 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ok..oggi allora ci provo grazie ancora [SM=g27988]
OFFLINE
Post: 4,434
Registered in: 8/28/2009
Age: 54
Gender: Male
6/11/2013 3:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ci sarebbe una cosa da provare, che non puo' fare peggio.

Con un po' di crema da lucidare la carrozzeria, o anche con un po' di dentifricio (ma ci vuole un po' più di tempo con questo), strofina per almeno 2 o 3 minuti una zona, a vedi se schiarisce. Non credo risolva tutto, ma forse almeno attenuerà.

Il dentifricio e la pazienza rimuovono i graffi dall'acetato o dai vetri in plastica delle macchinine obsoleti. Se il graffio è troppo profondo, bisogna prima carteggiare con grano 800 o meglio 1200, bagnato, fino ad aver tirato fuori il solco. Poi lucidare con dentifricio. Ci vuole tempo, ma funziona benissimo.
OFFLINE
Post: 1,758
Registered in: 8/30/2009
Location: BERGAMO
Age: 43
Gender: Male
6/11/2013 9:31 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ah questa poi!
Non lo sapevo del dentifricio!
Appena ho occasione di dover sistemare un vetro, provo.
Grazie del suggerimento!
Purtroppo l'unica soluzione che mi viene in mente è molto ma molto laboriosa: ricreare il vetro facendo uno stampo con il vecchio e termoformarci sopra il foglio di acetato.
Per funzionare, funziona, ma auguri per lo sbattimento ed i tentativi prima di tirarne fuori una ok...
OFFLINE
Post: 1,939
Registered in: 8/28/2009
Location: MILANO
Age: 42
Gender: Male
6/11/2013 10:20 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Patrick, non ci metto la firma, ma credo che i metodi da te indicati siano ottimi per quanto riguarda i graffi o la sempice opacizzazione.

Ho dei seri dubbi per quanto riguarda l'ingiallimento, che a quanto si può vedere non sia è questione superficiale ma proprio di tutta la plastica.

Piergiorgio, non ti resta che tentare e farci sapere il risultato!!
OFFLINE
Post: 223
Registered in: 7/30/2010
Location: ROMA
Age: 26
Gender: Male
6/12/2013 12:39 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

infatti ora inzio a fare vari tentativi e vediamo cosa esce fuori [SM=g27990]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:36 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com